La borsa e la vita

  
 
 
Veterani della gestione cattomafiosa della sanità regionale come Formigoni e parvenu della genuflessione come Cota con obiettivi in comune: sottrarre alle donne strumenti di consapevolezza e autodeterminazione sulle scelte che riguardano salute e sessualità, stornare fondi pubblici nelle casse delle “associazioni amiche” e dei consultori privati.. questa la realtà che minaccia i consultori pubblici di Lombardia, Piemonte, Lazio tra il disinteresse delle donne, il depotenziamento dei servizi primari e  le infiltrazioni dei movimenti per la vita.

Ma come si è arrivati a tutto questo? Da quali esigenze erano nati i primi consultori, e cosa è successo durante il percorso fino ad oggi? Quale futuro possiamo/vogliamo immaginare? Attraverso il racconto di chi c’era e di chi c’è, attraverso storie di coraggiose resistenze, di eroine infiltrate fra le file nemiche ed esperienze di autogestione ci avventuriamo nel passato, presente e futuro di uno dei simboli della lotta delle donne per la riappropriazione della cura della propria salute e per la consapevolezza del proprio corpo e della propria sessualità.

Parleremo di e con:

Me-DeA – Torino: atti di resitenza nel Piemonte neo-leghista

AED – Bergamo: una lunga esperienza di autogestione laica

UOMTS – Sesto San Giovanni – “Il servizio funziona bene? Chiudiamolo!”

Ore 18.30 APERITIVO di autofinanziamento della Consultoria!